videomaker of the year

Soggetto Bionic Kevin ha 27 anni è uno scrittore\giornalista, ha una personalità fuori dal comune ma vive un’esistenza tranquilla in un monolocale nel quartiere Brera a Milano. Per quanto si sforzi a vivere la quotidianità della città, egli non si sente appartenente al suo ritmo e alla sua modernità, trova infatti tranquillità solo nello scrivere con la sua olympia sg e con sottofondo il vinile di Luis Armstrong. Per quanto ami vivere fuori dallo schema sa bene che per realizzare una buona storia uno scrittore deve vivere nella realtà a cui appartiene e il ponte di collegamento tra il suo mondo introspettivo e il mondo esterno si chiama Marco; un ragazzo conosciuto durante uno stage che differente a lui ama la movida milanese e cerca sempre di integrarlo nelle sue serate. In seguito ad un incidente con l’auto mentre ritorna da una delle serate con Marco, kavin si ritrova davanti ad un robot meccanico intento ad ucciderlo ma viene salvato da un uomo misterioso vestito in stile ottocentesco. Il quale prima di morire a causa delle ferite dovute allo scontro gli mostra un antico filmato che ha come protagonista Kevin stesso. Kevin Scopre quindi di essersi ibernato nel 1897 con lo scopo di svegliarsi 200 anni dopo per sconfiggere una malattia più unica che rara di cui soffre e a quel tempo incurabile. Scopre poi di essere nato a metà 800 e di essere un inventore Infatti insieme al fratello maggiore nel 1894 avevano aperto una società di macchine industriali molto innovativa per l’epoca che avrebbe aiutato gli operai a quel tempo senza alcun diritto lavorativo di essere meno schiavi del sistema industriale. Ma lo stabilimento appena inaugurato era stato bruciato dai loro “avversari” per un discorso di potere industriale e il fratello maggiore Nicholas rimasto intrappolato nelle fiamme era stato soccorso da Kevin il quale per salvargli la vita gli aveva sostituito alcuni organi e arti con parti meccaniche che lui stesso aveva inventato (come sperimentazione di guarigione per la sua rara malattia) trasformandolo in un Bionico. Nicholas adirato aveva poi ucciso i suoi nemici ed iniziato ad avere un’idea radicale riguardante l’umanità (l’unico modo per salvare la razza umana che ben presto sarebbe stata sempre più numerosa e povera era quella di integrarli con delle macchine, quindi dei bionici, in modo da ridurre così le esigenze naturali umane come mangiare). Kevin aveva cercato di fermarlo ma la malattia lo limitava, così aveva creato una organizzazione “Bionic” che attraverso l’ uso di strumentazioni da lui inventate aveva come scopo di frenare le aspirazioni violente del fratello o almeno limitarle per 200 anni (Nicholas infatti essendo per metà macchina può vivere per molto di più). Tutto questo per dare a Kevin il tempo necessario ad ibernarsi, per poter una volta risvegliatosi in un’ era più moderna, riuscire a trovare una cura per la sua malattia e distruggere il fratello. Ma Kevin è stato svegliato prima del tempo e ciò gli ha compromesso la perdita della memoria. In questi 200 anni il fratello maggiore ha creato una città nascosta “Metropolis” che si nasconde nei sotterranei di Milano, ha costruito mostri meccanici per difendersi dall’ “organizzazione Bionic (l’ultimo appartenente a questa organizzazione è l’uomo misterioso incontrato da Kevin e morto la sera stessa). Quindi Kevin deve ritrovare sé stesso, scoprire chi lo ha svegliato, trovare la cura per la sua malattia e distruggere il fratello che minaccia di estendere la sua egemonia al resto del mondo.


TITOLO: Bionic – Puntata Pilota web serie

CATEGORIA: Web series

PRODUZIONE: –

REGIA: Daniel Prestifilippo

SITO: www.danielvideomaker.com

CITTA’: Prato

NOTE SUL VIDEOMAKER: Ho sempre amato il mondo audiovisivo e da tempo mi sono concentrato anche sul mondo della Post produzione. Sono laureato al Dams a Bologna con una tesi che si ricollega ad un mio cortometraggio che ha vinto una menzione speciale alla computer grafica a Venezia durante la Biennale di Venezia. Dopo la laurea ho iniziato una serie di tirocini legati al mondo della grafica e del web, ho iniziato a collaborare con vari fotografi e professionisti del mondo audiovisivo. Ho continuato a studiare specializzandomi nella suite Adobe ( Photoshop, illustrator, indesign, premiere pro) e ho frequentato corsi di grafica 3D e Post produzione ( Maya, Blender, Zbrush). Ho iniziato a realizzare in maniera autonoma vari lavori video e a partecipare a concorsi dedicati al mondo del videomaking.

CAMERA USATA: Sony 6300, canon 5D

PROGRAMMA MONTAGGIO: Premiere